Molti pensano che le arti marziali siano soltanto uno sport, un’attività per mantenersi in forma e per riempire in qualche modo il proprio tempo. In realtà sono molto, molto di più. Sapevi, ad esempio, che Bruce Lee oltre ad essere un grande combattente era anche un grandissimo filosofo? Sì, filosofo! 

Questo dimostra quanto profonda e complessa possa essere questa disciplina se studiata a fondo. 

Più si apprende sulla vita di Bruce, infatti, e più emerge il suo pensiero votato al miglioramento personale totale, la sua era una crescita individuale veramente a 360°.

Ecco, quindi, le tre lezioni che ho imparato da lui e che oggi voglio condividere con te.

#1 Il progetto più importante a cui puoi lavorare sei tu: fai quello che ti piace, sviluppa le tue capacità, investi sulle tua qualità, definisci e realizza chi sei.

 #2 Sii curioso: la curiosità è una delle molle più importanti nella vita di ogni persona, è grazie ad essa che stai leggendo questo post o che in passato ti sei interessato ad un argomento che ora conosci.Guarda il mondo con curiosità, come farebbe un bambino, rimetti in discussione tutto quello che conosci.

 #3 Metti in pratica il tuo sapere: ciò significa non rimanere immobili di fronte al mondo che cambia. L’evoluzione è la chiave della sopravvivenza, perciò applica le conoscenze che funzionano per la tua vita, usa e seleziona le strategie più semplici, dirette ed efficaci, taglia senza pietà quello che non funziona.

E tu che cosa hai imparato da Bruce Lee? Cosa ne pensi del suo discorso e dei suoi libri? Ne hai mai letto alcuni? Dì la tua nei commenti.

Pubblicato da: Sara Tonelli

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.